Visite: 1191
Stampa

pavic 49

venerdì 26 giugno 2015

Intervista a cura di Ilaria Degl'Innocenti

Rientrati da Kiev, i Pavic hanno nuovamente suonato al Jailbreak Live Club il 2 maggio 2015. Sono al loro terzo album, Is War The Answer?, pubblicato il 24 gennaio 2014, missato dal produttore americano Rick Beato, noto per le sue collaborazioni con artisti del calibro di Shinedown, Bullet For My Valentine e Vince Neil. La band è attiva dal 2005 e adesso è formata da Marco Pavic alle chitarre, Joe Calabrò alla voce, Alessandro 'Aleks' Ferrara al basso, Lorenzo Antonelli alla tastiera, Antonio Aronne alla batteria. Si stanno facendo largo nel complicato ed intricato mondo della musica attraverso una forte carica, energia, grinta e personalità, caratteristiche che li hanno portati ad ottenere riscontri positivi non soltanto in Italia, ma anche all'estero. Finalisti della Battle Of The Bands Italia edizione 2015, contest co-firmato da Virgin Radio e Hard Rock Café, stanno diventando una realtà sempre più affermata del rock tricolore.

A un anno dall'uscita di Is War The Answer? siete maturati e avete tenuto molti concerti. Qual è il vostro bilancio?
Il nostro terzo album in studio è stato presentato proprio qui al Jailbreak Live Club, a gennaio di un anno fa. Da allora, abbiamo tenuto una lunga tournée, che ci ha visti impegnati non solo in giro per l'Italia ma anche in vari paesi d'Europa, tra cui Repubblica Ceca, Slovacchia e Svizzera. Siamo stati ospiti speciali degli olandesi Within Temptation e dei Circle II Circle, due esperienze che ci hanno arricchito, sia da un punto di vista artistico che umano.

È un disco che punta i riflettori su alcune tematiche sociali. Perché?
Is War The Answer? arriva a sei anni di distanza dal nostro precedente lavoro, Unconditioned (2008). È un album che parla di realtà che ogni giorno sono attorno a noi, ma che di fatto sono tenute in un angolo, dimenticate, oscurate dai cliché della modernità. Siamo fermamente convinti che il connubio tra musica e sociale apra una via comunicativa e uno spunto per la riflessione.

La parte strumentale è un percorso strutturato su vari aspetti. Che cosa è cambiato rispetto a sei anni fa?

La parte strumentale di Is War The Answer? presenta sonorità che spaziano, sperimentano, da canzoni più ritmate a ballad più lente. Per noi, ogni album è diverso, perché ognuno di essi rispecchia il particolare momento in cui è stato pubblicato, a livello di band. Is War The Answer? rappresenta ciò che siamo adesso.

Avete girato anche il videoclip di Song for The Rain.
Song For The Rain è la ballad del nostro album e anche il primo videoclip di Is War The Answer?. Esso punta il dito su chi vive ai margini della società. E' stato girato per le strade di Roma, in collaborazione con i City Angels, associazione Onlus di volontari che opera anche nella capitale.

Anche In Your Eyes ha un inizio d'impatto.
Come per Song For The Rain, in questo brano abbiamo voluto far riflettere l'audience. Il video è stato diretto da Alessandro Russotto e c'è anche la collaborazione di Roberto Recchioni, sceneggiatore e curatore di testata per Dylan Dog dal 2013 con la Sergio Bonelli Editore. La location che abbiamo scelto è stata un disfacimento nei pressi di Roma.

Nei vostri lavori compaiono nomi importanti, come Kee Marcello. In che modo questa personalità ha influenzato la vostra musica?
E' stato uno special guest del nostro secondo lavoro, precisamente nella canzone Just Go On, della quale abbiamo poi deciso di girare il videoclip. E' stata una collaborazione che non si è limitata al solo lavoro in studio, perché con Kee Marcello abbiamo anche condiviso il palco. Stare in contatto con questo artista ci ha fatto maturare sia professionalmente che a livello umano. Quando abbiamo proposto di partecipare a uno dei nostri brani, ha accettato di buon grado.

Quando tornerete in studio? Quali altre date avete programmato per promuovere Is War The Answer?
Abbiamo molte idee che stiamo sviluppando in vista di una prossima pubblicazione. La prossima data sarà il 31 luglio, nell'ambito della quarta edizione del Padova Metal Fest

comments

Jailbreak e gli amici su Facebook