Menu

Informazioni

+393450678602

Menu

18 GEN 2019 – SERGIO CAPUTO

Venerdì 18 gennaio 2019 arriva al Jailbreak Live Club il cantautore italiano Sergio Caputo per uno show speciale, rievocando gli anni d’oro della Beat generation.

Il sound presenta molteplici sfaccettature, che accompagnano per mano l’ascoltatore attraverso un universo talvolta introspettivo, talvolta focalizzato su alcuni importanti aspetti della società, visti con gli occhi di un musicista e poeta completo.

I testi sono stati presi come esempio da alcune facoltà italiane e straniere per l’alto significato espressivo e letterario, in quanto la sua produzione artistica è molto vasta. Esordisce nel 1981 con l’album dall’omonimo titolo e successivamente nel 1983 pubblica ”Un sabato Italiano”, uno dei più importanti suoi successi, al quale si susseguono numerose uscite discografiche.

Nel corso del mese di ottobre 2017 instaura una collaborazione con Francesco Baccini e dà vita a”Chewing Gum Blues”. Nei suoi sodalizi artistici compaiono molti nomi illustri, tra cui ricordiamo Dizzy Gillespie, Lester Bowie, Tony Scott, Mel Collins (King Crimson), Tony Bowers (Simply Red), Enrico Rava, Roberto Gatto e molti altri.

Degli anni ’80 Sergio dice: ”…che cosa rimane in me di quegli anni? Molto, e l’ho scoperto proprio reinterpretando Un sabato italiano: il sound era invecchiato ma le canzoni no, perché parlavano di sentimenti, dell’inquietudine del crescere quando non si è più adolescenti, di elementi senza tempo. Di quel periodo non posso che avere bei ricordi: sono stati quelli della mia indipendenza, dell’emancipazione, della vita romantica ispirata ai grandi scrittori della Beat generation. Gli anni ‘80 furono il superamento del buio del decennio precedente, pilotato da oscure forze i cui testimoni oggi non sono più in vita. Furono un salto in avanti, cosa che gli anni che stiamo vivendo -ahimé- non riescono a fare”.

Radio Gallano media partner dell’evento:

www.radiogallano.it

 

On Stage:
Sergio Caputo – chitarra acustica
Fabiola Torresi – basso 
Alessandro Marzi – batteria

Menu